Gli inaspettati/Senza categoria

Contagious, la trasformazione del mio mito

Contagious (2015)

Regia: Henry Hobson

Cast: A. Schwarzenegger, A. Breslin
Personalmente sono cresciuto con il mito di un uomo che combatteva contro cacciatori alieni [Predator] e capace di distruggere Los Angeles da solo [Terminator], indipendentemente fosse stato il buono o il cattivo, io consumavo le videocassette (sì, esistevano ancora) tifando solo per Arnold.

Schwarzenegger e Carl Weathers in Predator (1987)

Notando solo il genere horror del film si potrebbe semplicemente immaginare una carneficina di zombie ad opera di quel uomo invincibile; niente di più lontano dalla vera essenza del film. Proprio qui infatti, per la prima volta, vedremo uno Schwarzenegger vinto, impotente davanti alla lenta ed implacabile trasformazione della figlia Maggie (A. Breslin) in un mostro affamato di carne umana. La storia si svolge in un ambiente mutato dalla malattia e dalla paura per essa, ed essendo poche le scene puramente horror se state cercando un tradizionale zombie-movie non è questo il film da scegliere anzi, il ritmo è lento e riflessivo poiché tutto è basato sul rapporto padre-figlia facendo passare il mondo circostante in secondo piano. L’atmosfera viene ben spiegata attraverso gli occhi dei protagonisti e dai racconti di luoghi che non appaiono nel film (centri di quarantena) ma che ci permettono di immaginarli molto bene.

L’unica luce in questo scenario grigio e apocalittico è rappresentata proprio dal l’amore di Wade (Schwarzenegger) che non accetta il destino ormai scritto della figlia e portato sul grande schermo con una sorprendente prestazione di Schwarzenegger in un ruolo inedito per lui. Vederlo in queste vesti per me è stata davvero una piacevole sorpresa, mette in mostra la fragilità umana come pochi avrebbero potuto essendo lui l’emblema Hollywoodiano della forza.

Anche se il me stesso di 10 anni rimarrebbe deluso dal non aver visto centinaia di spari ed esplosioni, mi sono reso conto di come in ogni istante del film l’attore sia riuscito a farmi provare una grande empatia, dandomi una piena soddisfazione cinematografica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...